“..una bottiglia per pianta, e le botti piantate in una cantina di quattro secoli fa”

Spalle alla terra e faccia al nord, la cantina si trova nel centro storico del paese, fra antiche mura di pietra e soffitto di castagno.
La fermentazione, spontanea con piè de cuvee, comincia in acciaio e finisce in legno.
Le botti sono prevalentemente Garbellotto da 550 e da 1000 litri in rovere francese con tostatura leggera.
Dopo l’imbottigliamento, il vino riposa in cantina ancora qualche mese, prima di uscire come Cilento Dop.